TVATT

Teorie Violente Aprioristiche Temporali e Territoriali

Uno spettacolo  ideato da Luigi Morra, liberamente ispirato a East e West di Steven Berkoff

con: Luigi Morra, Pasquale Passaretti, Eduardo Ricciardelli
musiche e suono: Camera
luci e video: Domenico Catano
elementi scenici: Stefano Zecchini
drammaturgia e regia: Luigi Morra

PROSSIME REPLICHE: 29 giugno, RISVEGLI Festival, Stadium 2000, Lecce

TVATT è acronimo di Teorie Violente Aprioristiche Temporali e Territoriali. TVATT, in una parte di Sud Italia, è in realtà un modo per dire “ti picchio”. L’arte di picchiarsi, tra la necessità di farlo e quella di saperlo fare, viene catapultata nella dimensione di teatrale, in un clima performativo e di ironia grottesca. Dialetto calcato, espressioni e atteggiamenti rituali, episodi di vita, territorialità e appartenenza che trasudano necessità di conflitto. Tutto diventa linguaggio possibile, per raccontare impulsi esistenziali legati a dinamiche non sempre comprensibili ma inevitabilmente spettacolari. TVATT prende ispirazione da “East” e “West” di Steven Berkoff, due lavori messi in scena tra gli anni 70 e 80, che sembrano esorcizzare una certa violenza attingendo dai sobborghi dell’East End londinese. In TVATT Berkoff è un’ispirazione legata non esattamente ai testi, ma all’approccio; un intento condiviso, basato però su un contesto geografico e culturale totalmente diverso, più della provincia che della periferia. Un territorio circoscritto che, con i suoi precisi codici, diventa pretesto per raccontare una questione globale.

“…colpisce allo stomaco l’evidenza del controllo, l’abilità scenica che manda in fumo quasi tutte le etichette preconfezionate.” Sergio Lo Gatto su Teatro e Critica

Una produzione: Etérnit/Teatraltro in collaborazione con Lunarte
Con il supporto di: Teatro Forte, Martelbel
Foto di scena: Mena Rota
Grafica: Achille Pacifico
Distribuzione e organizzazione: Flavia Alvi, Francesco Lombardi
Ufficio Stampa: Valeria Zecchini
www.tvatt.it 

Belgio_Olanda Tour

Foto di Mena Rota